Stracotto alla fiorentina


E’ un’antichissima ricetta della tradizione fiorentina.
Si utilizzano tagli di carne del quarto anteriore del vitello non particolarmente pregiati.
La carne viene lardellata con rigatino, legata, pepata e salata e fatta rosolare in tegame
con aglio e odori tagliati a fettine sottili. Poi si aggiunge del vino rosso e dopo che è evaporato,
si unisce la passata di pomodori. La cottura prosegue con aggiunta di brodo per non meno di 3 ore.
La tradizione narra che questo è un piatto che serve a “doppio scopo”,
infatti col sugo di cottura è anche possibile condire la pasta.
Quella di questo piatto è una cottura antica che si avvale di tutti i profumi dell’orto
e che intenerisce e rende gustose carni meno pregiate.